Dott.ssa Elisa Silvia Colombo

Psicologa, Ph.D. in Scienze Fisiopatologiche, Neuropsicobiologiche ed Assistenziali del ciclo di vita.

Psicologa Milano - Dott.ssa Elisa Silvia Colombo

“La via d’uscita passa dalla porta. Chissà perché nessuno la prende mai.”

Confucio.

Mi piace pensare alla psicologia come a una disciplina pratica, capace di fornire alle persone la chiave per risolvere i problemi e sviluppare le risorse. Sia nella mia attività clinica che nella formazione mi pongo l’obiettivo di offrire a chi ho di fronte strumenti utili e il più possibile concreti per affrontare con successo e soddisfazione le sfide, le difficoltà, i cambiamenti e le pressioni che la vita presenta.

Ritengo che il tempo sia molto prezioso: per chi vuole superare una difficoltà o ha un obiettivo da raggiungere non è la stessa cosa farlo in qualche mese piuttosto che in diversi anni. Per questo motivo propongo interventi di consulenza e supporto psicologico brevi ad approccio strategico, un modello di intervento efficace ed efficiente che si avvale di tecniche basate sul fare e sull'agire per cambiare.

MI PRESENTO

Dott.ssa Elisa Silvia Colombo - Psicologa MilanoLavoro come psicologa ed esercito la libera professione a Milano e on line. Mi occupo di consulenza, supporto psicologico, psicoterapia e formazione.

Ho scelto di studiare psicologia spinta da una forte curiosità rispetto alle determinanti dell’agire umano e ho approfondito con interesse le discipline che approfondiscono le cause e le motivazioni alla base del comportamento.

Tuttavia, dopo aver conseguito la laurea e l’abilitazione alla professione, sentivo di possedere molte conoscenze teoriche ma di non avere abbastanza strumenti che mi permettessero di tradurle in una professione che fosse effettivamente utile agli altri, capace di offrire un supporto concreto ed efficace per aiutare le persone a superare le difficoltà e i problemi più e meno complicati che possono presentarsi nel corso della vita. 

Mi rendevo conto che molto spesso le persone sono consapevoli delle motivazioni alla base delle proprie difficoltà, ma che questa consapevolezza, spesso raggiunta attraverso lunghe e sofferte analisi della propria storia di vita passata, di rado si traduce in un effettivo cambiamento e in uno stato di benessere.

Da qui l’interesse per gli studi di più recenti nell’ambito della psicobiologia, che incoraggiano a strutturare interventi psicologici e tecniche di psicoterapia capaci di attivare attraverso esperienze concrete i sistemi emozionali più arcaici che si sono conservati nel corso dell’evoluzione dell’uomo e che tuttora guidano buona parte delle nostre azioni.

Sentivo la necessità di acquisire strumenti pratici, in grado di sollecitare quelle leve emotive importanti per produrre un cambiamento e migliorare la qualità della vita delle persone, in tempi brevi e con la minore sofferenza possibile. Per questo motivo ho scelto di formarmi nell’approccio strategico, che si caratterizza non solo per praticità e concretezza ma anche per gli alti livelli di efficacia ed efficienza.

In ambito clinico il mio lavoro si traduce quindi in un dialogo basato sull’utilizzo di tecniche di comunicazione, strategie e stratagemmi che aiutano la persona cambiare il proprio modo di sentire, di percepire e di agire, recuperando le risorse utili al fine di superare il problema o la difficoltà che si trova ad affrontare.

LE MIE ATTIVITÀ PROFESSIONALI

Svolgo la libera professione presso lo studio di Viale Zara 145 a Milano e on line

Mi occupo di:

Mi piace tutto quello che faccio, sia in ambito clinico che nella formazione, ma soprattutto amo leggere e studiare, convinta che la curiosità intellettuale e l’apprendimento continuo siano indispensabili per offrire ai miei clienti un servizio sempre migliore.

LA MIA FORMAZIONE

Mi sono laureata in Psicologia Clinica e Neuropsicologia presso l’Università degli studi di Milano Bicocca, con il massimo dei voti e la distinzione della lode, e sono iscritta all’Albo dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia (n. 17111).

Dopo la laurea ho conseguito un diploma di master in “Counseling e Psicologia del Benessere” (corso riservato a laureati in Psicologia) presso l’Associazione Psicologi Lombardia ed il titolo di dottore di ricerca in “Scienze Fisiopatologiche, Neuropsicobiologiche ed Assistenziali del ciclo di vita” presso l’Università degli Studi di Milano. Successivamente, ho acquisito una formazione in Terapia a Seduta Singola presso l’Italian Center for Single Session Therapy con Michael Hoyt, Flavio Cannistrà e Federico Piccirilli e nell’utilizzo delle tecniche di rilassamento, induttive ed immaginative presso Obiettivo Psicologia s.r.l.

Sono inoltre specializzata in Terapia Breve Strategica presso la Scuola quadriennale di Specializzazione del Centro di Terapia Strategica di Arezzo, diretta dal professore Giorgio Nardone.

LE MIE PASSIONI

Ho sempre avuto una naturale inclinazione al contatto con gli animali e sono cresciuta con cani e gatti, sviluppando un grande sensibilità nei loro confronti, che ha motivato la curiosità di conoscerli più a fondo. La predilezione per gli animali più sfortunati, perché anziani, malati o solo non eccezionalmente belli, mi ha fatto entrare in contatto presto e spesso anche con la medicina veterinaria, una professione che da sempre mi affascina, esercitata da persone che fin da subito hanno guadagnato la mia stima più profonda.

Durante il mio percorso di formazione ho cercato quindi di cogliere tutte le occasioni che mi permettessero di approfondire anche i temi legati al comportamento animale, agli aspetti in comune con il comportamento dell’uomo e alle varie forme di relazione e di interazione uomo-animale, affettiva e professionale.

Mi sono laureata con una tesi di Psicologia Comparata, conducendo uno studio sperimentale sull'utilizzo dello sguardo a scopo comunicativo nei cani e nei bambini in età preverbale; in seguito, durante il corso di dottorato di ricerca mi sono occupata di un progetto relativo all'empatia nei confronti degli animali non umani, interessandomi soprattutto dell’ambito medico veterinario e in particolare dell’empatia nel rapporto con l’animale e con il cliente e del rischio di burnout: gli studi che ho pubblicato su questi temi sono stati i primi condotti in Italia.

Un altro lavoro che ho condotto in maniera pionieristica per il nostro Paese è stato quello sul fenomeno dell’Animal Hoarding, l’accumulo di animali, che ha portato alla pubblicazione di un libro divulgativo sul tema (“Una pericolosa arca di Noè”, edito da Cosmopolis) e a diverse iniziative di formazione rivolte a medici veterinari, forze dell’ordine e tecnici della sicurezza e della prevenzione. Infine, recentemente ho partecipato a un lavoro di ricerca sul lutto per la perdita di un animale da compagnia e sul modo in cui le abilità di comunicazione del medico veterinario influenzano l’elaborazione del lutto da parte del proprietario. Insomma, mi piace studiare la relazione uomo-animale in tante sue sfaccettature!

Con grande soddisfazione, sono una tra i primi psicologi in Italia ad occuparmi di queste tematiche anche nell'attività clinica: anni fa, quando ho iniziato, il progetto suonava così visionario da aver destato l’interesse di alcune testate giornalistiche, incuriosite dall'aspetto innovativo di alcune mie idee! Oggi il mio interesse per la relazione uomo-animale rientra a pieno titolo tra i miei ambiti di specializzazione professionale, sotto forma di:

  • corsi di formazione per medici veterinari sui temi della comunicazione efficace, della relazione con il cliente, della gestione dello stress, della prevenzione del burnout e della fatica da compassione;
  • corsi di formazione per operatori di Interventi Assistiti con gli Animali;
  • interventi psicologici per migliorare la gestione dello stress lavoro-correlato, per aumentare la soddisfazione professionale e per prevenire il burnout in ambito medico-veterinario;
  • pet loss counseling: sostegno per i proprietari che risentono del carico assistenziale (“caregiver burden”) legato al prendersi cura del proprio animale in caso di patologie croniche e nel fine vita e supporto nell’elaborazione del lutto per la morte di un animale da compagnia.

Devo molto della mia formazione in quest’ambito alla prof.ssa Emanuela Prato Previde, responsabile del Canis sapiens Lab -  Comparative Cognition and Human-Animal Interaction - dell’Università degli Studi di Milano: sono stata contagiata dalla sua passione per la psicologia comparata e, se non avesse accolto con entusiasmo il mio progetto di dottorato, niente di tutto questo sarebbe stato possibile.

ESPERIENZE

Per le attività di consulenza e supporto psicologico collaboro con uno studio di medicina generale, con una farmacia e con un consultorio privato accreditato per il Servizio Sanitario Nazionale. Sono inoltre consulente per l’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Milano per un progetto volto alla prevenzione del burnout e alla promozione del benessere dei professionisti mediante uno sportello di consulenza psicologica e alcune iniziative di formazione.

Ho svolto attività di formazione presso diversi enti, per alcuni dei quali tengo tuttora alcuni corsi: Università degli Studi di Milano, ATS-Brescia, ATS Città Metropolitana di Milano, ATS Insubria, Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Varese, Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Milano, Ordine dei Medici Veterinari delle Province di Como e Lecco, Ordine dei Medici Veterinari di Bergamo, SCIVAC (Società Culturale Italiana Veterinari per Animali da Compagnia), SIONCOV (Società Italiana di Oncologia Veterinaria). Spero di non aver dimenticato nessuno!

Lavoro come cultore della materia per l’insegnamento di Psicologia Generale 2 (Psicologia della personalità) presso l’Università eCampus di Novedrate.

Sono consulente per “Il Fido Custode” per il servizio di Pet Loss Counseling.

In passato ho collaborato con l’associazione ASOM e i “Cavalli in Carcere” di Claudio Villa, a Bollate, per uno studio sugli effetti dell’interazione con il cavallo sullo sviluppo dell’empatia nei detenuti: un’esperienza difficile nell’ottica del ricercatore, ma estremamente significativa e gratificante dal punto di vista umano.

Durante il dottorato di ricerca, ho partecipato all’International Development Project dell’Animals and Society Institute e della Humane Society University statunitensi, in collaborazione con il Dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi di Milano, dove sono stata docente per il laboratorio “L’uomo e gli altri animali: psicobiologia delle emozioni e della relazione”, un corso di 20 ore sui temi delle emozioni negli animali non umani e della relazione tra l’uomo e le altre specie da un punto di vista evoluzionistico e psicobiologico.